P1 LA LIQUIDITÀ PER COSTRUIRE NUOVI MONDI

Cambiamenti epocali, accelerati dalla pandemia da Covid-19, hanno innescato un’evoluzione del ruolo sistemico della gestione del risparmio. La crisi sanitaria ha ulteriormente rafforzato la già significativa tendenza al risparmio delle famiglie.

Alla fine del primo trimestre 2021 le riserve immobilizzate tra conti corrente e depositi sono risultate pari a 1.748 miliardi. Capitali che potrebbero essere più efficacemente gestiti nell’interesse dei risparmiatori e del Paese.

Nell’attuale contesto di investimento sta diventando, perciò, sempre più importante aumentare il livello di educazione finanziaria e incentivare una corretta pianificazione. Una sfida che coinvolge l’intera collettività: partire dal risparmio per costruire nuovi mondi.

P2 ECONOMIA REALE

Per vincere l’incertezza servono idee innovative, nuovi linguaggi e la capacità di leggere il futuro giungendo a nuove interpretazioni dei concetti alla base di una corretta gestione del risparmio: diversificazione, qualità e selettività.

Dando spazio agli strumenti alternativi, anche quelli illiquidi, capaci di indirizzare i capitali direttamente verso l’economia reale, affrontando anche la sfida della sostenibilità e della responsabilità sociale.

L’industria del risparmio gestito ha un ruolo fondamentale: Piani Individuali di Risparmio ordinari e alternativi, ELTIF, fondi di private equity, debito privato, infrastrutturali e immobiliari. Un universo che richiede una consulenza finanziaria ad alto valore aggiunto.

P3 DISTRIBUZIONE E CONSULENZA

Nell’ultimo decennio la normativa europea ha giocato un ruolo basilare nelle dinamiche che regolano la consulenza. Il ruolo centrale svolto da MiFID II deve essere valorizzato in quanto un monito ai risparmiatori sulla necessità di seguire da vicino i propri investimenti e un’occasione per i consulenti finanziari di esplicitare il valore del proprio lavoro.

Rappresentanti delle istituzioni e dell’industria finanziaria si confrontano al Salone del Risparmio sui mutamenti radicali in corso e sullo sviluppo di nuovi modelli distributivi, con particolare riferimento all’innovazione di prodotto.

Alla base ci sono i mercati, in cui la sfida per gestori e intermediari consiste nel costruire portafogli che sappiano coniugare la creazione di valore con la capacità di resistere alle fasi di incertezza.

P4 SOSTENIBILITÀ E INCLUSIONE

L’industria del risparmio gestito è chiamata a uno sforzo cruciale: farsi acceleratore dei cambiamenti globali verso un’economia più sostenibile, inclusiva e responsabile.

Nel mondo della gestione l’attenzione agli investimenti ESG è pratica già largamente diffusa, in forte crescita grazie anche al superamento del pregiudizio che considerava questo tipo di attività come meno remunerativa rispetto all’investimento tradizionale: il solo universo UCITS ha toccato a fine 2020 quota 1.200 miliardi di euro di asset under management, con a un incremento del 37% anno su anno (dati Efama).

Una corsa che va di pari passo con l’evoluzione del quadro normativo europeo (Tassonomia, SFDR, CSDR) che include in maniera sempre organica non solo aspetti ambientali, ma anche sociali e di governance.

P5 PREVIDENZA COMPLEMENTARE

Una previdenza integrativa efficiente e l’ampliamento degli strumenti di investimento di lungo termine rappresentano gli snodi da cui dipenderà la capacità di rispondere a una duplice sfida. Da un lato assicurare un buon reddito dopo il ritiro dalla vita lavorativa e dall’altro sostenere il finanziamento delle imprese convogliando flussi crescenti di risparmio verso l’economia reale.

I dati Covip a fine 2020 rilevano adesioni alle varie forme di previdenza integrativa sopra la soglia di nove milioni, con una crescita del 2,6% anno su anno. Una crescita contenuta rispetto alla portata del problema. Il tutto mentre la strada del nuovo modello europeo di pensione individuale, i PEPPs, appare ancora lunga e piena di criticità.

Al Salone del Risparmio, gli esperti del settore discutono di tutte le soluzioni utili per raggiungere il grande obiettivo di rilanciare la previdenza integrativa.

P6 EDUCAZIONE E FORMAZIONE

La propensione al risparmio è un’attitudine delle famiglie che è necessario valorizzare. È però altrettanto necessario sfatare la falsa convinzione dell’incompatibilità tra risparmio e investimento. Fondamentale in tal senso è la continua diffusione dell’educazione finanziaria.

“La pandemia ha dimostrato ancora una volta che avere conoscenze di base di economia e finanza può aiutare a navigare più agevolmente nel mondo intorno a noi, in particolare nei momenti di difficoltà”, afferma Annamaria Lusardi, presidente del Comitato per l’Educazione finanziaria.

Il Rapporto Consob sulle scelte di investimento delle famiglie italiane mette però in luce che solo il 30% degli italiani applica corretti principi di pianificazione al proprio patrimonio. Un divario tra bisogni e realtà che risparmio gestito e consulenza sono chiamati a colmare in un rapporto di collaborazione.

P7 DIGITALIZZAZIONE E SERVIZI FINANZIARI

A un’iniziale diffidenza si è sostituita negli anni una piena consapevolezza del fatto che l’applicazione delle innovazioni tecnologiche, dell’intelligenza artificiale e della digitalizzazione dei servizi di consulenza costituiscono una delle maggiori aree di sviluppo per il settore finanziario.

Banche, Sgr e fintech hanno caratteristiche complementari ed esiste una naturale possibilità di cooperazione nell’interesse del cliente che deve essere ricercata dagli operatori.

Il Salone del Risparmio dà ampio spazio al dibattito sull’innovazione mettendo a confronto opinioni ed esperienze sui temi della digitalizzazione della consulenza e dell’integrazione tra nuove modalità di servizio e canali distributivi tradizionali.