Trabattoni: “Il mio primo Salone da Presidente all’insegna del capitale umano”

Il neopresidente descrive le aspettative che lo accompagnano verso la prima edizione del Salone alla guida di Assogestioni. “Lo sviluppo del Capitale Umano, la sua valorizzazione, è un punto fondamentale per garantire una prossima fase economica sostenibile, direi ‘a prova di futuro’”, afferma

 

Carlo Trabattoni parla delle sensazioni che lo accompagnano verso il suo primo Salone del Risparmio come Presidente dell’Associazione. “L’industria attraversa una fase che combina maturità e straordinarie opportunità. Maturità, alla luce dei positivi risultati conseguiti negli anni più recenti, grazie all’impegno virtuoso di istituzioni, associazioni ed operatori del settore. Questa si dovrà ora declinare in una fase di rinnovata responsabilità, consapevoli del ruolo che possiamo ricoprire nella fase di ripresa che, questi mesi ce lo confermano, sarà caratterizzata da momenti di incertezza e volatilità, ma che beneficia di solidi driver: gli investimenti strategici previsti nell’ambito del Next Generation UE, l’elevato risparmio privato, la vitalità e rilevanza strategica del nostro Paese, confermata dai nuovi operatori che decidono di investire. Come Assogestioni e come industria nel suo complesso dovremo rispondere a questa sfida, secondo precise linee di azione”, afferma introducendo la visione e i punti programmatici che caratterizzeranno il suo mandato da presidente.

 

Il capitale umano sarà al centro della dodicesima edizione del Salone del Risparmio che si terrà dal 10 al 12 maggio prossimi. Come immagina il suo primo Salone vissuto da Presidente?

 

Sono molto felice che la prima edizione del Salone che vivrò come Presidente di Assogestioni sia focalizzata su questo tema. La nostra industria è, prima di tutto, una collettività di persone che lavorano insieme per perseguire un obiettivo. Lo sviluppo del Capitale Umano, la sua valorizzazione, è un punto fondamentale per garantire una prossima fase economica sostenibile, direi ‘a prova di futuro’.

 

Proprio il rapporto tra finanza e sostenibilità ha caratterizzato gli ultimi anni, sia in termini di comunicazione sia di ripensamento dei modelli di business. Che ruolo avrà nella sua Presidenza?

 

Vorrei che ci dessimo target chiari ed ambiziosi sotto il profilo della sostenibilità, e credo che il Salone del Risparmio sarà un momento cruciale per delineare tali obiettivi, dopo la condivisione e l’ascolto dei differenti punti di vista dell’industria e degli investitori. L’accento al Capitale Umano come motore e perno dell’industria sottolinea non solo le competenze dei gestori ma soprattutto della consulenza come elemento essenziale, sempre più importante, nel dialogo coi risparmiatori. Per non parlare della volontà di indirizzare gli impegni degli investimenti verso il sistema, i differenti stakeholders e quindi, in primis, le persone.

Sono fortemente convinto che l’approccio alla sostenibilità non possa essere prescrittivo. È fisiologico che ogni operatore definisca un approccio differente e credo anche che i nostri investitori abbiano le giuste sensibilità sebbene con diverse intensità e sfumature. Il punto di partenza è quello della normativa che a livello europeo è ora stata resta più chiara e puntuale e ci costringe tutti a nuovi sforzi in avanti.

Da lì dovremo prendere le mosse per definire soluzioni di investimento trasparenti, chiare nel loro approccio di sostenibilità e nella comunicazione di obiettivi, metodologie e risultati. Sono convinto che la trasparenza nella comunicazione sia da sempre un fattore differenziante per il nostro settore, e lo è ancora di più nel segmento degli investimenti sostenibili, che hanno conosciuto negli ultimi anni una fortissima domanda. Il mio sforzo sarà rivolto proprio a cogliere appieno questo potenziale, che passa anche da una maggiore educazione sulle tematiche della responsabilità e sulla loro applicazione non soltanto sotto il profilo ambientale, ma sempre più incisivamente nella governance. Per esempio, attraverso la strategica attività di active engagement finalizzata alla generazione di un positivo impatto per le società.

 

 

L’intervista integrale al Presidente sarà contenuta nel prossimo numero di FocusRisparmio magazine, distribuito al Salone del Risparmio dal 10 al 12 maggio 

Stampa

Potrebbero interessarti anche...

21 gennaio 2022
Persone e trasformazione digitale al centro della dodicesima edizione del Salone del Risparmio. L’evento Assogestioni si terrà a Milano dal 10 al 12 maggio 2022
Il capitale umano raccontato dalla docuserie “The Future”
17 marzo 2022
Il progetto di FR|Vision racconta nella terza puntata della prima stagione il rapporto tra innovazione e capitale umano visto dai protagonisti dell’industria del risparmio gestito.
Tutte le strade del risparmio
17 marzo 2022
I sette percorsi tematici del Salone del Risparmio con cui orientarsi nell’evento simbolo dell’industria del risparmio gestito e della consulenza finanziaria.