Rutte mette le ali all’equity

cronometro Tempo di lettura stimato: 2 minuti

 

Non ci sarà nessun referendum in Olanda per uscire dall’Ue. E, molto probabilmente, non ci sarà neanche nessuna Frexit. Il fronte dei Populisti e degli anti europeisti è capitolato. Almeno per ora. Archiviato il capitolo Olanda, si guarda con attenzione al prossimo appuntamento elettorale in Francia. Si voterà per le presidenziali il 23 aprile al primo turno e il 7 maggio al secondo turno. Solo una sconfitta di Le Pen farà smettere di tremare Bruxelles. Che ora, però, dopo la caduta del Trump olandese, Geert Wilders, ci crede di più.

 

La caduta di Wilders
Aveva promesso: “Se vincerò l’Unione sparirà”. Il primo passo sarebbe stato un Referendum per uscire dall’Europa. E poi avanti con la de-islamizzazione dell’Olanda e con la lotta all’immigrazione. Ad avere la meglio, però, è stato il candidato (premier uscente) europeista e liberare Mark Rutte, con il suo partito Vvd che ha ottenuto 33 seggi sui 150 in palio (alle elezioni di cinque anni fa ne aveva ottenuti 41). I populisti del Pvv, capeggiati da Wilders, invece, ne hanno ottenuti solo 20, seguiti dal partito liberale di sinistra D66 (19 seggi).
“Dopo la vittoria del VVD, ci aspettiamo un governo sostanzialmente analogo a quello attuale, con il possibile ingresso di nuovi membri – commentano da Allianz Global Investors – La nuova compagine sembra unita sull’istruzione e sull’europeismo. Vi sono naturalmente profonde differenze fra un partito e l’altro e sono quindi prevedibili lunghe negoziazioni su composizione e obiettivi della coalizione. Ciò non dovrebbe però impedire la nascita di un governo pro-Ue, forse ancora più forte”.
E, aspettando la Francia, Bruxelles può tirare un sospiro di sollievo. Anche se, dopo la caduta di Wilders, l’esito delle elezioni presidenziali sempre ormai segnato. “Una ripresa dello status quo in Olanda potrebbe infatti rallentare la corsa dei movimenti populisti in tutta Europa – fa notare Ken Orchard, gestore di portafoglio di T. Rowe Price – e ridurre le probabilità che gli elettori francesi, alle prossime consultazioni presidenziali, votino per Marine Le Pen, il leader di estrema destra del Fronte National che vuole portare il Paese fuori dall’Unione europea”.

 

La reazione dei mercati

Il trionfo di Rutte è stato accolto positivamente dai mercati. Soprattutto quelli azionari, che hanno festeggiato in ogni angolo del globo. Ma è stata una reazione a freddo. E non è scontato che il trend al rialzo continui. Anche perché incertezza politica rimane.
Stando all’ultimo Eurobarometro della Commissione europea, che monitora i cambiamenti in atto nell’opinione pubblica degli Stati membri dell’Unione, i Paesi Bassi non sono i più euroscettici. Gli olandesi sono meno critici verso l’Ue di francesi, italiani e inglesi, ma più di tedeschi e spagnoli. Dunque, anche se gli investitori internazionali sembrano essersi scossi di dosso le sorprese politiche del 2016 con incredibile “nonchalance”, le elezioni europee previste per quest’anno potrebbero causare nuovi shock al mercato.

“A livello globale, i mercati azionari dovrebbero ora concentrarsi sulle consultazioni elettorali in Francia, Germania e forse anche in Italia, alla ricerca di eventuali cambiamenti d’umore – sottolineano da Allianz – Importante sarà anche la risoluzione del problema del debito greco e delle criticità legate ai saldi del sistema della Bce Target 2; entrambe le questioni avranno ripercussioni politiche sui Paesi Bassi, la cui banca centrale ha concesso ingenti prestiti ai Paesi periferici”.

E l’incertezza politica pesa anche sui mercati obbligazionari, come fa notare Orchard di T. Rowe Price: “Gli spread sui rendimenti tra i titoli di Stato francesi e quelli tedeschi si sono significativamente allargati negli ultimi mesi, in parte a causa dei timori per la popolarità di Le Pen. Anche da una prospettiva obbligazionaria il focus adesso è sulla Francia. Sebbene le probabilità di una vittoria di Le Pen siano ridotte, si tratta di un rischio importante, di cui i mercati sono consapevoli, che darebbe un duro colpo al futuro dell’Eurozona”.

 

 

Stampa

Potrebbero interessarti anche...

Olanda al voto. E l’Europa traballa
14 marzo 2017
Via al superciclo delle elezioni. Il 15 marzo tocca ai Paesi Bassi, con il leader di estrema destra, Wilders, che tuona: “Se vincerò l’Unione sparirà”
Via all’era Trump. I riflessi sui mercati
23 gennaio 2017
Nonostante la promessa di un’accelerazione del ciclo economico degli Stati Uniti si sia inizialmente riflessa nei mercati azionari e nel dollaro, le incognite sono numerose.