La filosofia Esg come driver di performance degli investimenti

Il programma delle conferenze del percorso uno al Salone del Risparmio.

 

I criteri ambientali, sociali e di governance sono ormai un requisito imprescindibile dell’analisi finanziaria. Dati alla mano, hanno un impatto consistente sul rendimento e sulle performance, nonché un effetto limitato sul rischio di portafoglio e sulla volatilità: secondo McKinsey, circa un quarto degli asset gestiti del mondo adotta ormai criteri di investimento sostenibili. Non solo, una valutazione inaccurata dei rischi climatici o ambientali dei prodotti finanziari può costituire un rischio per la stabilità del mercato.

 

Alla luce di queste nuove tendenze, il Salone del Risparmio mira a favorire occasioni di dialogo e formazione e sugli investimenti tematici e a impatto. Le conferenze del percorso numero unoRisparmio responsabile e inclusivo – puntano a incoraggiare la consapevolezza sul tema della sostenibilità, promuovendo la trasparenza e la competenza degli intermediari.

 

Si parte dalla plenaria d’apertura dal titolo Sostenibile, responsabile, inclusivo. Le nuove frontiere del risparmio gestito, in programma il 2 aprile in Sala silver a partire dalle ore 10.00. Il presidente di Assogestioni Tommaso Corcos e il managing director e capo del team di ricerca Global auto&shared mobility di Morgan Stanley Adam Jonas analizzeranno l’impatto sui mercati di fenomeni quali il cambiamento climatico e i mutamenti demografici e si confronteranno sull’intuizione che gli investimenti per generare crescita e rendimenti durevoli debbano in primo luogo rispettare le condizioni di equilibrio sociale e naturale.

 

Il tema della sostenibilità e della responsabilità sociale è ormai di estrema attualità, anche all’interno del mondo del gestito, eppure la strada è ancora lunga. Riuscirà questa nuova filosofia di investimento a trovare terreno fertile presso chi la propone (banche, reti dei consulenti finanziari e asset manager) e presso chi investe? Per rispondere a questo interrogativo Assogestioni ha chiesto a Finer di realizzare una ricerca, che verrà presentata al Salone in occasione della conferenza dal titoloL’Italia è pronta per la sostenibilità?, il 3 aprile in Sala blue 1 alle 9.30. Il fondatore e Ceo di Finer Nicola Ronchetti e il direttore comunicazione di Assogestioni Jean-Luc Gatti faranno il punto sui risultati dello studio, analizzando il livello generale di sensibilità e conoscenza delle tematiche Esg.

 

Quando si parla di sostenibilità il pensiero corre subito alla salvaguardia dell’ambiente, ma anche le variabili sociali – sicurezza sul lavoro, diritti umani, diversity, formazione – meritano l’attenzione degli asset manager. Non di solo environment vive l’Esg: il ruolo delle variabili sociali nella sostenibilità degli investimenti è il titolo della conferenza che vedrà protagonisti Francesco Bicciato, segretario generale del Forum per la finanza sostenibile e Manuela Mazzoleni, direttore operations e mercati di Assogestioni. Quando? Il 2 aprile alle 16.30 in Sala white 1.

 

Spazio anche al tema dell’inclusione – un problema irrisolto in molti Paesi (come l’Italia) e che è ormai un fattore di sviluppo economico – del quale si faranno ambasciatrici Cinzia Tagliabue, amministratore delegato per l’Italia di Amundi, e Roberta D’Apice, direttore settore legale di Assogestioni, nel corso della conferenza Equality, diversity and inclusion. A challenge for the asset management industry, il 3 aprile in Sala red 1 a partire dalle 16.30.

Stampa

Potrebbero interessarti anche...

Adam Jonas sarà il keynote speaker della plenaria di apertura del Salone del Risparmio 2019
18 febbraio 2019
Al centro del suo intervento il rapporto tra finanza, economia e tematiche Esg
Il risparmio gestito nell’era dello sviluppo sostenibile: sfide e opportunità
11 febbraio 2019
Sarà Jeffrey Sachs, direttore del Centro per lo sviluppo sostenibile della Columbia University, il keynote speaker della conferenza che chiuderà la decima edizione del Salone.