La consulenza al risparmiatore: una professione in rapida evoluzione

cronometro Tempo di lettura stimato: 2 minuti

 

di Diego Martone, Demia Studio Associato

 

 

La figura del consulente, sia esso bancario che finanziario, ha subito negli ultimi anni una rapida evoluzione e l’imminente introduzione di Mifid II ne decreterà una svolta normativa di grande impatto nel settore. Per questo motivo all’interno della ricerca svolta da Demia per conto di Assogestioni e presentata al Salone del Risparmio 2017, sono state indagate presso 410 professionisti e 3.000 italiani alcune tematiche che servono a dare evidenza dello stato dell’arte del rapporto consulenti/clienti come è oggi configurato.

 

 

senza-titolo-5

 

Partiamo dal fatto che gli italiani riconoscono ed attribuiscono un alto livello di competenza ai consulenti (voto di 7,3 su una scala da 1 a 10), mentre i consulenti stessi percepiscono un’impreparazione di base dei clienti e assegnano ai clienti stessi un 5 (a sé stessi danno un bel 8,4), configurando un rapporto che trova come necessaria conseguenza l’instaurarsi di una fiducia nel sapere e nel consiglio per l’elaborazione di strategie di risparmio e investimento adeguate. Tuttavia a fonte del riconoscimento della professionalità e della preparazione non si può ignorare come il risparmiatore a volte guardi con diffidenza il proprio interlocutore: il 20% degli italiani e il 26% di coloro che possiedono fondi descrive il consulente com

e “un venditore”, e nel 72% dei casi è d’accordo con l’affermazione “il consulente è legato all’organizzazione per cui lavora e fa gli interessi della sua società”. Quasi metà del campione (45%) tuttavia esprime fiducia verso il proprio consulente, perché percepisce che i consigli fin qui ricevuti nel tempo abbiano avuto come filo conduttore la ricerca della soluzione più adatta per le proprie necessità.

 

 

Ben differente è la percezione da parte dei professionisti del settore: come abbiamo visto ritengono che la preparazione di base dei clienti sia scarsa e, conseguentemente, questo ostacolo culturale divenga un freno all’elaborazione e alla proposta di soluzioni più sofisticate o articolate, costringendoli spesso a proporre semplificazioni che non aiutano a comprendere appieno le caratteristiche dei prodotti. I professionisti sentono la responsabilità del proprio ruolo e credono fermamente di essere “persone in grado di semplificare una materia complessa” (61% delle risposte raccolte) e di rappresentare “una guida per affrontare i mercati” (47%). Quasi assente invece la percezione di essere dei “venditori” (solo il 3% delle risposte).

 

Se il panorama normativo e di svolgimento della professione è destinato a mutare profondamente con l’entrata in vigore di Mifid II, non si può quindi prescindere nell’analisi e nella costruzione dell’offerta dal fatto che il rapporto risparmiatore / consulente ha delle istanze ancora non risolte, come ad esempio l’educazione finanziaria, il linguaggio spesso troppo tecnico, la discrasia tra orizzonti temporali, obiettivi e necessità di tutti i giorni dei risparmiatori.

 

La professione, che negli ultimi anni è profondamente mutata in particolare grazie all’introduzione delle nuove tecnologie digitali (sono molto d’accordo il 76% dei professionisti intervistati), dovrà quindi riuscire a cogliere la sempre presente sfida di affiancamento al cliente all’interno di un contesto che a partire dall’inizio del 2018 non solo sarà molto diverso, ma ridisegnerà alcune delle fondamenta su cui esso è stato fin qui basato.

 

 

 

Stampa

Potrebbero interessarti anche...

MiFID II, italiani poco attenti al fee only
12 aprile 2017
La direttiva comunitaria di secondo livello apre all’opportunità della consulenza indipendente. Ma l’85% dei risparmiatori domestici si dichiara non interessato
I robot lavoreranno al fianco dei consulenti?
23 gennaio 2017
Le macchine si sostituiranno ai consulenti in carne e ossa? Per Marco Giorgino, docente di Finanza Aziendale al Politecnico di Milano, lo scenario sarà ben diverso
17mila pronti ad entrare nel mondo della consulenza finanziaria
10 gennaio 2017
Si tratta di uno degli effetti della rivoluzione che sta investendo l’universo bancario.