#SdRX Educazione finanziaria: risparmiatori e consulenti favorevoli a programmi mirati

Dall’Osservatorio sul risparmio del Salone del Risparmio la fotografia di un’Italia che vuole raggiungere una maggiore consapevolezza finanziaria.

 

 

Milano, 20 marzo 2019 –  Di fronte ad un contesto regolamentare e ad un mercato sempre più globalizzato e transnazionale, la domanda di una maggiore alfabetizzazione e di programmi di educazione finanziaria sul risparmio e gli investimenti è unanimemente condivisa e accolta sia dai risparmiatori che dai consulenti finanziari. Questo lo spaccato sul tema che emerge dall’Osservatorio sul risparmio degli italiani rinnovato, anche quest’anno, in occasione del Salone del Risparmio.

 

Sul tema dell’educazione finanziaria* il parere è quasi unanime: con il 79% dei risparmiatori intervistati e la quasi totalità dei consulenti (96%) che sono favorevoli ad un programma di avvicinamento e formazione riguardo il mondo del risparmio e degli investimenti. Per il 57% dei risparmiatori questo programma dovrebbe rivolgersi a chiunque senza limitazione d’età, mentre per il 20% a tutte le persone dai 16 ai 35 anni.

 

Alla domanda su chi dovrebbe farsi promotore di questa iniziativa, i risparmiatori e i consulenti si dividono: se i primi riconoscono principalmente allo Stato e alle Istituzioni finanziarie questo ruolo (47%), confermando un dato già riscontrato in passato, i consulenti attribuiscono questa responsabilità principalmente alle Associazioni di categoria (64%). Intervistati su quellocheconta.it, il portale pubblico di educazione finanziaria, ideato dal Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività di educazione finanziaria, la valutazione, tra gli intervistati che lo conoscono, risulta unanime: l’81% dei risparmiatori e l’85% dei professionisti lo giudicano positivo o molto positivo.

 

L’educazione finanziaria di tutta la popolazione, e non solo dei risparmiatori, rimane un tema fondamentale per il Sistema Italia – commenta Diego Martone, Ceo di Demia che ha svolto l’indagine per Assogestioni – ed è sentito da tutti gli attori in campo. Professionisti e cittadini concordano, infatti, sul fatto che ancora vi siano troppe lacune nella conoscenza di prodotti, mercati, ma anche di termini e linguaggi utilizzati nel campo della finanza personale”.

 

Le scelte finanziarie sono tra le principali decisioni che gli individui prendono nel corso della vita. La maggior parte dei cittadini italiani, tuttavia, non possiede conoscenze sufficienti a prendere decisioni corrette o a richiedere supporto a professionisti qualificati”, afferma Jean-Luc Gatti, direttore comunicazione di Assogestioni. “L’associazione – prosegue Gatti – ha da tempo riconosciuto il ruolo che l’educazione finanziaria e la formazione professionale possono svolgere nella protezione dell’investitore, ed è attualmente impegnata in numerose iniziative – molte delle quali trovano spazio e risonanza al Salone del Risparmio – dove le competenze degli operatori sono valorizzate con momenti di formazione certificata”.

 

 

Nota sul campione:

*I dati sono estrapolati da ‘Il risparmiatore fai da te’, lo studio quali-quantitativo a cura di Demia sui risparmiatori (tra i 18 e over 75 anni) in possesso di un patrimonio mobiliare investito o investibile di almeno 30.000€ e su un campione di consulenti bancari e finanziari operanti in Italia con il fine di osservare e confrontare le risposte sui medesimi argomenti, ma con una prospettiva opposta.

File Download

Cs_SdRX_Edufin

161KB

Stampa

Potrebbero interessarti anche...

Salone del Risparmio 2022: tutte le conferenze di Assogestioni
9 maggio 2022
Si aprono le porte della kermesse sul risparmio gestito. Quasi 120 le conferenze in programma e più di 14mila partecipanti.
Il legame tra sostenibilità e innovazione decisivo per la costruzione del futuro
6 luglio 2021
All’undicesima edizione del Salone del Risparmio in esame le linee di sviluppo dell’industria per i prossimi decenni. Galli: “Ambiente e digitale sono le due direttrici di trasformazione su cui ad oggi sappiamo di più, ma in gioco c’è la natura dei modelli di business di tutti i settori economici”