#SdR17 | Conferenza di chiusura col botto: l’Italia in difficoltà ma con iniziative concrete come i Pir si può tornare a crescere

Secondo i primi dati l’ottava edizione registra oltre 13mila visite

 

Milano, 13 aprile 2017 – ‘Risparmio, investimenti, politiche di sviluppo’: la plenaria che chiude il Salone del Risparmio accende i riflettori sulle possibilità di crescita per il Paese. A fotografare lo scenario attuale è stato Guido Tabellini, Docente ordinario di Economia dell’Università Bocconi di Milano. “Per le banche italiane è difficile sostenere la crescita fornendo un credito adeguato all’economia a causa di una quantità elevata di crediti deteriorati”, spiega Tabellini sottolineando come nel 2016 il credito delle banche al settore privato non finanziario sia rimasto sostanzialmente piatto. “Risulta difficile immaginare un’accelerazione della crescita che non sia sostenuta da un’espansione del credito ma bisogna trovare altre forme di finanziamento agli investimenti”. Secondo il professore della Bocconi l’Italia fa ancora troppo affidamento all’intermediazione bancaria: “oggi disintermediare è diventato un obiettivo prioritario e in questo contesto i PIR assumono un valore importante soprattutto per gli incentivi fiscali mirati che sono in grado di offrire”.

 

A condividere il valore dei PIR e la loro capacità di offrire nuova motore alla crescita dell’economia italiana gli ospiti della tavola rotonda: a partire da Alberto Baban (Presidente Piccola Industria Confindustria) che ha sottolineato: “il vero incentivo che spinge gli italiani a investire nei PIR è l’idea di far crescere il paese”. Gli fanno eco Carmine Di Noia (Commissario Consob), Giordano Lombardo (Chairman Pioneer Investments) e Antonello Piancastelli (Direttore Generale Fideuram) facendo appello all’industria di gestire in modo responsabile lo sviluppo dei Piani individuali di Risparmio capaci di avviare un circolo virtuoso non solo per il settore del risparmio gestito ma soprattutto per l’economia reale.

 

Federico Fubini (Corriere della Sera), pone l’accento anche sugli aspetti demografici: “Nel 2016 l’Italia ha perso circa 400mila residenti. Un elemento che spiega l’assenza di crescita soprattutto se si pensa che per ognuno di questi vengono a mancare 16mila euro di consumi”.

 

Secondo i primi dati, il Salone del Risparmio chiude la sua ottava edizione con una partecipazione record di operatori del settore ed un numero complessivo di visite pari a oltre 13.000.

File Download

170413_#SdR17_CHIUSURA

681 KB

Stampa

Potrebbero interessarti anche...

13 marzo 2017
Il via oggi: possono partecipare sia agli account dei singoli che delle aziende
12 aprile 2017
Il convegno Assogestioni scioglie i dubbi interpretativi. Confronto con industria e pratiche estere
17mila pronti ad entrare nel mondo della consulenza finanziaria
10 gennaio 2017
Si tratta di uno degli effetti della rivoluzione che sta investendo l’universo bancario.