Salone del Risparmio: l’edizione 2015 si chiude con focus su impact investing

Milano, 27 marzo 2015 – Si chiude nel segno dell’impact investing e del supporto che, anche attraverso il risparmio gestito, si può dare all’economia reale la sesta edizione del Salone del Risparmio. La plenaria di chiusura ha visto protagonisti Harvey McGrath, Chairman of Big Society Capital che, nel suo key note speech ha dichiarato: ‘L’impact investing è un argomento di rilievo globale che coinvolge aziende, investitori istituzionali, fondi e donatori filantropici, non è la panacea di tutti i mali del ventunesimo secolo, ma sicuramente una valida soluzione per le sfide future che ci aspettano“.

 

Gli fa eco Piero Fassino, Presidente Anci e Sindaco di Torino che, parlando di impact investing suggerisce di unire “le risorse pubbliche e private per attrarre nuovi capitali e nuovi investimenti utili per il paese“. La sfida dell’impact investing è raccolta anche dal mondo istituzionale. “Dobbiamo passare da una situazione di welfare statale a una condizione di welfare della comunità“. Questa la scommessa della Fondazione Cariplo nelle parole del suo Presidente Giuseppe Guzzetti, che ha ricordato la nascita del primo fondo di investimento dedicato alle start up grazie alla collaborazione di sette fondazioni bancarie.

 

Secondo Giovanni Gorno Tempini, Amministratore Delegato di Cassa Depositi e Prestiti, il futuro dell’Impact Investing passa dalle 3 P: “produttività, pazienza e proattività“, perché, spesso, “il problema non è tanto nei finanziamenti ma nella credibilità dei progetti“.

 

Ma le soluzioni vincenti arrivano anche dalla cittadinanza: “Dobbiamo avviare un processo di connessione e formazione dei cittadini per conoscere le loro idee e generarne di nuovo attraverso il loro supporto“, come aggiunge Fabrizio Sammarco, Amministratore Delegato ItaliaCamp. Gli fa eco Luciano Balbo, Presidente e Fondatore di OltreVenture Capital che conclude: “spesso mancano idee e soggetti validi a quali destinare i finanziamenti“.

 

La tre giorni di Assogestoni si chiude con un bilancio positivo: 18mila iscritti e circa 15mila visite.

Stampa

Potrebbero interessarti anche...

27 marzo 2015
Presentati oggi i risultati della ricerca Blogmeter al Salone del Risparmio che fotografa il settore sui social media